art. 104 - Ammortamento finanziario dei beni gratuitamente devolvibili 
 Testo precedente 
Ricerca

ricerca avanzata
Newsletter!
     
iscriviti alla newsletter


[HOME] >> NORMATIVE >> IMPOSTE - CONTRIBUTI >> IMPOSTE SUL REDDITO - I.V.A. >> IMPOSTE SUL REDDITO - IRAP - I.V.A. >> NORMATIVA BASE >> T.U.I.R. - DPR 22.12.1986 - N. 917  >> TITOLO II - IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ >> CAPO II - DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI COMMERCIALI RESIDENTI -  >> SEZIONE I - DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE  >> ART. 104 - AMMORTAMENTO FINANZIARIO DEI BENI GRATUITAMENTE DEVOLVIBILI >> ART. 104 - AMMORTAMENTO FINANZIARIO DEI BENI GRATUITAMENTE DEVOLVIBILI >> 
  art. 104 - Ammortamento finanziario dei beni gratuitamente devolvibili

 

 

D.P.R.  22.12.1986, n. 917 - (S.O. n. 1 alla Gazzetta Ufficiale 31.12.1986, n. 302)

Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi.

TITOLO II - Imposta sul reddito delle società

CAPO II Determinazione della base imponibile delle società e degli enti commerciali residenti  

SEZIONE I Determinazione della base imponibile

art. 104 - Ammortamento finanziario dei beni gratuitamente devolvibili

In vigore dal 01.01.2004

 

1. Per i beni gratuitamente devolvibili alla scadenza di una concessione è consentita, in luogo dell'ammortamento di cui agli articoli 102 e 103, la deduzione di quote costanti di ammortamento finanziario.

2. La quota di ammortamento finanziario deducibile è determinata dividendo il costo dei beni, diminuito degli eventuali contributi del concedente, per il numero degli anni di durata della concessione, considerando tali anche le frazioni. In caso di modifica della durata della concessione, la quota deducibile è proporzionalmente ridotta o aumentata a partire dall'esercizio in cui la modifica è stata convenuta.

3. In caso di incremento o di decremento del costo dei beni, per effetto di sostituzione a costi superiori o inferiori, di ampliamenti, ammodernamenti o trasformazioni, di perdite e di ogni altra causa, la quota di ammortamento finanziario deducibile è rispettivamente aumentata o diminuita, a partire dall'esercizio in cui si è verificato l'incremento o il decremento, in misura pari al relativo ammontare diviso per il numero dei residui anni di durata della concessione.

4. Per le concessioni relative alla costruzione e all'esercizio di opere pubbliche sono ammesse in deduzione quote di ammortamento finanziario differenziate da calcolare sull'investimento complessivo realizzato. Le quote di ammortamento sono determinate nei singoli casi con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze in rapporto proporzionale alle quote previste nel piano economico-finanziario della concessione, includendo nel costo ammortizzabile gli interessi passivi anche in deroga alle disposizioni del comma 1 del’articolo 110 . (1) (2) (3) (4) (5)

-----

(1) Articolo, già art. 69, è stato rinumerato  dal’articolo 1, D.Lgs. 12.12.2003, n. 344, con decorrenza dal 01.01.2004.

(2) Articolo  modificato dall’articolo 1, D.L. 31.12.1996, n. 669, e sostituito dall’articolo 1, D.Lgs. 12.12.2003, n. 344, con decorrenza dal 01.01.2004.  

(3) La numerazione e la rubrica del titolo cui Articolo appartiene sono state così sostituite in virtù del’articolo 1, D.Lgs. 12.12.2003, n. 344, con decorrenza dal 01.01.2004. Testo precedente:

"TITOLO I - Imposta sul reddito delle persone fisiche".

(4) La numerazione e la rubrica del capo cui Articolo appartiene sono state così sostituite in virtù del’articolo 1, D.Lgs. 12.12.2003, n. 344, con decorrenza dal 01.01.2004. Testo precedente:

"Capo VI - Redditi d'impresa".

(5) La partizione della sezione cui Articolo appartiene è stata inserita in virtù del’articolo 1, D.Lgs. 12.12.2003, n. 344, con decorrenza dal 01.01.2004.

 





Indietro

Lo Studio |Lettere informative |Imprese - Liberi professionisti - Contribuenti privati |Modulistica |Normative |Scadenze fiscali - Previdenziali - Ricorsi  |Utilità |Links utili |